Browse By

Strategia SKAG: come ottimizzare le campagne e aumentare il CTR

La tecnica SKAG (Single Keyword Ad Group) è una strategia di ottimizzazione delle campagne Google Ads basata sulla segmentazione granulare delle keyword biddate dall’account Google.

Viene anche chiamata, molto alla buona, “una keyword per gruppo di annunci” o “gruppi di annunci con una sola parola chiave“, in questo articolo utilizzerò l’acronimo SKAG per comodità. Vediamo quindi come funziona questa strategia, quali sono i vantaggi e gli svantaggi e gli effettivi risultati nell’ottimizzazione di una campagna.

Perchè utilizzare gli skag?

Segmentare le keyword in gruppi di annunci differenti rende le tue campagne più facile da gestire ma soprattutto da analizzare e quindi migliorare. E’ quello l’obiettivo, no?

Che cosa sono i gruppi di annunci con parola chiave singola?

Siamo d’accordo che prima ancora di parlare di strategie di ottimizzazione è fondamentale strutturare correttamente l’account Google Ads per un miglior monitoraggio dei risultati.

La suddivisione in gruppi di annunci con una singola parola chiave è uno dei modi più rapidi per aumentare il CTR delle vostre campagne, aumentare il punteggio di qualità e diminuire il CPC.

Ma soprattutto questa struttura permette un’analisi più semplice e precisa delle performance della campagna pubblicitaria.

Tieni a mente che questa strategia può essere utilizzata sia per la rete di ricerca che per gli annunci display e, con qualche difficoltà in più, per gli annunci video su Youtube.

 

Perché dovresti utilizzare gli SKAG

Gli SKAG servono ad avere prestazioni migliori dalle tue campagne Google ads, vediamo perchè.

Ogni gruppo di annunci, contenendo una sola parola chiave con le rispettive varianti (vediamo più avanti) ci assicura una massima corrispondenza tra la keyword e il termine di ricerca che attiverà l’annuncio.

Questo ha un duplice vantaggio:

  • annunci personalizzabili per intenzione di ricerca
  • quality score aumentato dalla maggiore pertinenza keyword/annuncio

Tre tipi di corrispondenza per ogni gruppo di annunci

Come avrai capito ogni gruppo di annunci deve contenere una sola keyword, è questo il principio degli SKAG. Ma quale corrispondenza utilizzare per questa keyword?

Il consiglio è di includere più tipi di corrispondenza per la parola chiave. Il tuo gruppo di annunci conterrà quindi tre keyword, vediamo un esempio.

Se la tua attività si occupa di vendere infissi in pvc, all’interno dei tuoi SKAG dovrai inserire queste parole chiave:

  • +infissi +pvc
  • “infissi pvc”
  • [infissi pvc]

Rinomina il tuo gruppo di annunci con un nome chiaro che ti suggerisca le keyword al suo interno, in questo caso potresti chiamarlo “Infissi in PVC”.

Questo gruppo di annunci fungerà da “amo da pesca” per trovare nuovi termini di ricerca partendo dalle tue keyword “esca”.

Cosa succede se analizzando i termini di ricerca che hanno attivato i tuoi annunci scopri che questi sono per lo più parole chiave a coda lunga, differenti quindi dalle keyword che hai inserito? Seleziona quei termini di ricerca e utilizzali per creare un nuovo gruppo di annunci SKAG, in questo modo stai facendo un perfezionamento delle keyword.

Riprendiamo nuovamente il nostro esempio.

Tra le keyword più ricercate vedi “infissi in pvc o alluminio anodizzato”, crea un nuovo gruppo di annunci e inserisci questa keyword con le differente tipologie di corrispondenza.
Ricorda di inserire questa keyword con corrispondenza inversa all’interno del gruppo di annunci “infissi in pvc”. Se non lo facessi, due gruppi di annunci con annunci differenti sarebbero in conflitto sulla stessa parola chiave.

Ora la parte più divertente e interessante.

 

Crea corrispondenza tra la keyword e le varianti dell’annuncio

Una volta analizzati i termini di ricerca e le tue keyword, dopo averle suddivise nei vari gruppi di annunci, andrai a lavorare sugli annunci, creando copy specifici per la singola keyword.

 

 

In questo SKAG la keyword utilizzata è “osteopatia a domicilio”. Come puoi vedere ho inserito la keyword nel Titolo 1, nell’url e anche nella descrizione 1. Se lo spazio per la descrizione non è sufficiente, inseriscila nei callout o negli snippet strutturati.

In questo modo diminuisce fortemente la discrepanza tra keyword e termine di ricerca che talvolta si crea quando si utilizza lo stesso annuncio per diverse parole chiave.
Quando si riesce ad avere una perfetta corrispondenza e una sola keyword per gruppo, la percentuale di click aumenta perchè non sono presenti 10/20 keyword in competizione per lo stesso termine di ricerca.
L’aumento del ctr comporta alcuni vantaggi che vedremo più avanti in questo articolo.

 

Pre-SKAG: cosa è necessario per iniziare

Per creare degli SKAG è necessario o quanto meno consigliabile, che la tua campagna e i tuoi gruppi di annunci abbiano già raccolto dei dati da analizzare. Per fare questo avrai bisogno di parole chiave “esca” o “radice”, che ti serviranno per capire le effettive richieste provenienti dal mercato in quel periodo.

Scegliere le prime parole chiave

Queste parole chiave sono affini al tuo prodotto ma non specifiche, sono keyword su cui sei disposto a biddare per capire le intenzioni di acquisto dell’utente che effettua tali ricerche, ma soprattutto, il nostro obiettivo è capire cosa cercano realmente gli utenti.

Vediamo un esempio.

Il servizio che vuoi vendere è la rimozione tatuaggi e vuoi utilizzare la strategia SKAG per ottimizzare i tuoi annunci. Inizialmente creerai delle campagne con le seguenti keyword esca.

  • cancellare tatuaggio
  • rimuovere tatuaggio
  • tatuaggio sbagliato
  • tatuaggio rovinato

Come puoi vedere sono keyword corte che identificano un problema specifico, tuttavia non sappiamo con esattezza quali parole utilizzeranno i nostri utenti per cercare il nostro servizio. Cerca di utilizzare tutti i possibili sinonimi in modo da avere più parole chiave possibile e non dimenticare altri modi di dire, nel nostro esempio in lingue differenti.

Nel nostro caso potresti aggiungere:

  • togliere tatuaggio
  • eliminare tatuaggio
  • levare tatuaggio
  • laser tatuaggio
  • rimozione tattoo
  • cancellare tattoo

Lavorando in questo modo non servirà fare una ricerca delle keyword a priori e nemmeno analizzare i livelli di concorrenza e i cpc medi.

Con una strategia SKAG l’analisi è più importante della ricerca.

 

Analizzare i termini di ricerca

Mano a mano che la tua campagna inizia a raccogliere impression e click puoi osservare il rapporto sui termini di ricerca per perfezionare il tuo target. Vediamo come.

Innanzitutto seleziona e aggiungi alla lista di parole chiave escluse quelle keyword poco interessanti per te. Questa operazione ti consiglio di farla fin dal primo giorno, per evitare di spendere soldi per click non in target.

Esempio. Se il tuo studio di Tattoo si trova a milano, non ha senso pagare click per la ricerca “rimozione tatuaggio roma”

Il consiglio che ti do è di non aggiungere la keyword a corrispondenza esatta come parola chiave esclusa, bensì con corrispondenza generica modificata.

Ti faccio un esempio:

termini di ricerca skag

 

In questo gruppo di annunci, la keyword generica – fisioterapia a domicilio – ha attivato l’annuncio per questi termini di ricerca. Trattandosi di ricerche su città nelle quali il mio cliente non operava, è stato necessario escludere quelle keyword.

Come ti ho detto prima, non aggiungere [fisioterapista verona a domicilio] come keyword esclusa, prediligi una scelta del tipo +fisioterapista + verona, in questo modo il tuo annuncio non comparirà per altre ricerche tipo:

  • fisioterapista per anziani a verona
  • fisioterapista a domicilio provincia di verona
  • fisioterapia a domicilio post intervento verona

Tutte queste keyword attiverebbero comunque il tuo annuncio nel caso aggiungessi la keyword con corrispondenza esatta alle parole chiave escluse.

N.B. Non pensare che escludere geograficamente un’area geografica escluda il tuo annuncio da questo tipo di ricerche. Potenzialmente, come è accaduto in questo caso, una persona che vive in una città cerca informazioni su un servizio in un’altra città nella quale si dovrà trasferire o nella quale vivono i genitori per i quali sta cercando tale servizio.

A questo punto è il momento di selezionare le keyword più performanti, per farlo concentrati sul numero di impression e sul CTR che hanno ottenuto nei primi giorni in cui hanno raccolto dati.

N.B Una volta creato il primo gruppo di annunci SKAG, ricordati di inserire la keyword a corrispondenza inversa nel primo gruppo di annunci per evitare concorrenza interna.

 

Creare uno SKAG

Crea un gruppo di annunci e inserisci la tua parola chiave.

Utilizza la corrispondenza generica modificata, la corrispondenza a frase e la corrispondenza esatta per la stessa parola chiave.

Nel nostro esempio:

  • +rimozione +tatuaggio
  • “rimozione tatuaggio”
  • [rimozione tatuaggio]

Perchè utilizzare tre tipi di corrispondenza?

Sfruttare le varie tipologie di corrispondenza e non inserire semplicemente una keyword generica è importante per due motivi.

  1. Se qualcuno effettua una ricerca a coda lunga che attiva il tuo annuncio matchando la keyword con corrispondenza a frase o generica modificata, il tuo annuncio sarà comunque molto pertinente con tale ricerca in quanto contiene esattamente i vocaboli ricercati. Diversamente, utilizzando una keyword generica, l’annuncio potrebbe uscire per termini di ricerca ritenuti dall’algoritmo di google “molto simili”.
  2. Inserendo tre tipi di corrispondenza partecipi in tre modi diversi alle aste per le varie ricerche, in questo modo hai più possibilità di raccogliere dati e click rispetto all’utilizzo di una singola keyword.

Le offerte

Imposta lo stesso CPC per tutte le keyword, mano a mano che la campagna inizia a raccogliere dati puoi regolare le campagne e alzare i cpc troppo bassi che non ti permettono di uscire in prima pagina.

Creazione degli annunci

E’ il momento più importante, la creazione degli annunci determinerà fortemente le metriche della tua campagna.

Ti consiglio di:

  • Inserire la parola chiave nel titolo. Cerca di inserirla nel titolo 1 o al massimo nel titolo 2
  • Inserire la parola chiave nel percorso. Se è una parola a coda lunga, dividila nei due spazi a disposizione, mantenendo ovviamente un senso logico.
  • Utilizzare la parola chiave all’interno della descrizione. Cerca di creare varianti differenti di annunci ma inserisci sempre la tua parola chiave nelle descrizioni.

Mentre gli url possono rimanere uguali per tutti gli annunci, crea sempre delle varianti per titoli e descrizioni.

A questo punto copia e incolla il tuo gruppo di annunci per creare altri SKAG, non ti dimenticare però di modificare opportunamente keyword e annunci.

Se utilizzi Google ads Editor puoi facilmente clonare i tuoi annunci senza dover modificare manualmente ogni dettaglio, con la funzione replace puoi rimpiazzare una determinata keyword con una di tua scelta.

 

I vantaggi della strategia SKAG in Google Ads

La tecnica degli SKAG è apprezzata per tre motivi:

  • Non richiede analisi iniziale
  • Ottimizza le performance
  • Permette un maggior controllo

Uno dei benefici principali della tecnica SKAG è sicuramente il fatto che non richiede una particolare analisi delle keyword iniziale. Come ti ho detto infatti, è sufficiente che tu inserisca delle keyword radice che ti aiuteranno a capire quali sono le ricerche più frequenti sul motore di ricerca.

Non perdere tempo a creare numerose variabili di una parola chiave, inserendo singolare, plurale, maschile, femminile e le varie tipologie di corrispondenza. Inserisci la keyword generica.

Non ha senso inserire keyword che nemmeno generano traffico. Il rapporto sui termini di ricerca ti dirà quali sono le keyword più interessanti da utilizzare.

Utilizzare il principio SKAG per display ads, Youtube ads e Facebook ads

E se ti dicessi che la tecnica SKAG può essere applicata anche alle campagne sulla rete display o addirittura sulle campagne di advertising su Facebook?

Non devi fare altro che segmentare il tuo pubblico.

Nel caso di una campagna display, puoi creare gruppi di annunci differenti in base al posizionamento dei tuoi banner.

Puoi creare dei micro pubblici basati sul posizionamento dei tuoi banner, in base agli interessi delle persone o per un lavoro più capillare, in base all’attività che hanno svolto sul tuo sito (retargeting comportamentale) e analizzare i risultati settimanalmente per un’ottimizzazione più precisa.

In un’attività di promozione su Facebook, puoi creare campagne distinte in base agli interessi del pubblico target, in questo modo l’angle di attacco dei tuoi annunci sarà più performante per quel gruppo di persone e potenzialmente il tuo CTR sarà maggiore.

Se non hai mai suddiviso i posizionamenti automatici in una campagna Display di Google Ads o non hai mai segmentato il tuo pubblico e i tuoi interessi nella tua campagna Facebook, con questo principio potrai analizzare più velocemente cosa sta andando bene e cosa no.

E infine perchè non utilizzare il principio SKAG in una campagna di Youtube ads? Crea video e messaggi personalizzati a seconda del posizionamento del tuo video oppure degli interessi specifici del tuo target.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *